La Fortezza di Acquaviva

Learn More

La Fortezza

La Fortezza di Acquaviva Picena provincia di Ascoli Piceno nelle Marche.
Locale consigliato per matrimoni,eventi,concerti etc...


La Storia

Dall'originario impianto strutturale risalente alla seconda metà del 1200, la Rocca fu fortemente voluta da Rinaldo d'Acquaviva a difesa del confine nord dei suoi possedimenti e soprattutto, per il controllo dell'unica strada di comunicazione esistente lungo la costa Adriatica tra il Nord e il Sud d'Italia, oltre che a sbarramento della via di accesso al mare dall'entroterra ascolano. Totalmente distrutta intorno alla metà del 1400 dall'esercito di Francesco Sforza, venne nuovamente ricostruita e completata verso la fine dello stesso secolo, seguendo i canoni dell'architettura militare del primo rinascimento, costituendo uno dei più importanti esempi di fortificazione del periodo nelle Marche. Quale presidio militare, fu di fondamentale interesse nella lotta tra i Guelfi e i Ghibellini fino alla definitiva affermazione dello Stato Pontificio, legando, poi, la propria funzione alla difesa della costa contro le scorrerie dei Turchi, fino a quando le alterne vicende politiche e militari, con il radicale mutamento dell'arte della guerra,non ne decretarono, verso la metà del 1600,l'inesorabile declino. Ricostruita secondo il progetto dell'architetto fiorentino Baccio Pontelli, la Fortezza presenta una pianta a forma di quadrilatero irregolare, con ai vertici disposte delle torri di mole a consistenza diversa, in relazione all'orografia del terreno su cui esse prospettavano, nonché ai rischi d'attacchi esterni.

La Fortezza

Molte e interessanti notizie sulla Fortezza d'Acquaviva sono desumibili dai registri delle Lettere dello Stato di Fermo. Se, infatti, scarse sono le fonti ed i reperti della Rocca primitiva, il cui nucleo più cospicuo, risalente al 1300, si dovette agli Acquaviva, numerose sono, invece, le notazioni che concernono la ricostruzione resasi indispensabile a seguito della distruzione operata dai Fermani nel 1447. Autore anche del Castello di Ostia, il Pontelli lavorò molto nelle Marche, sotto papa Innocenzo VIII, alle fortezze di Offida, Jesi ed Osimo. Non sappiamo se e in che misura egli pose mano alla Rocca di Acquaviva. È certo che l'impegno profuso fu notevole e arte fermane si soffermano sull'entità del materiale usato e delle forze umane impegnate. La Rocca, governata da Fermo, fu occupata, sia pur per brevi periodi, da Giosia d'Acquaviva, dallo Sforza, dagli acquavivani, sostenitori della rivoluzione Giacobina e dal brigante Sciabolone. Nel 1845 passò in enfiteusi ai Conti Neroni Cancelli. Nel 1870 l'acquistò la famiglia Rossi Panelli, che la cedette al Comune senza aumento di prezzo. Tale vendita avvenne nel 1907, all'atto dell'utilizzo del Mastio per una cisterna di raccolta delle acque provenienti dalle sorgenti di Paterno. Due Lapidi nella Rocca ricordano l'enfiteusi ( in perpetuo) ai Conti Neroni Cancelli e la vendita al comune da parte dei Rossi Panelli. La Fortezza si presenta con pianta a quadrilatero irregolare, che racchiude un'ampia corte centrale anch'essa quadrilatera, con pozzo a damigiana e vertici rafforzati da torrioni. Un corridoio con piccoli appostamenti a casamatta è ricavato nello spessore della muraglia. Un tempo doveva essere cinta da un fossato. Il torrione più alto, il Mastio, ha forma circolare ed è alto circa 22 metri. Fortemente accentuata è la scarpata a cono il cui attacco è sottolineato da un cordone, come nelle rocche di Cesena e Brisichella. Nella parte alta la struttura difensiva aggettante a pioggia su eleganti beccatelli. Un tempo doveva essere coronata da merli, poi sostituiti da un parapetto nel quale vennero ricavate tronerie, alloggiamenti per piccoli pezzi di artiglieria. L'interno è occupato da due vani voltati con finestre e sedili, tra loro collegati da una scala in muratura,il Mastio domina la Piazza Del Forte, le cui case sono disposte in modo da formare una corte elegante. Verso l'esterno è ornato con due stemmi: l'Aquila Imperiale, su uno scudo, è l'antico stemma della città di Fermo, con una croce ed un'iscrizione oggi illeggibile. Il Torrione - posto in diagonale rispetto al Mastio - ha una pianta pentagonale. Anch'esso è munito di difesa su beccatelli e presenta un'altissima scarpata a spigoli vivi, quasi a precipizio sulla vallata. Vi si aprono feritoie per bocche da fuoco, circolari, con taglio superiore e con sulla volta un caminetto per lo scarico del fumo. All'interno due vani sovrapposti, un tempo chiusi, ora visibili dalla corte. É affiancato da una posterla, la piccola porta di collegamento con l'esterno ad esclusivo uso militare, che immette in un lungo corridoio voltato a botte che accede direttamente al suo interno. Le altre due torri sono di più limitate porzioni. L'una pentagonale e l'altra quadrata si affacciano sugli altri due versanti del paese; erano destinate ad armi leggere quali colubrine ed archibugi. L'intero complesso fu restaurato alla fine dell'Ottocento dall'Architetto marchigiano Giuseppe Sacconi. Da recenti Scavi effettuati dall'Università di Bologna durante gli scavi effettuati nella corte, sono stati rinvenuti ruderi della S. Barbara e nella parte Nord -Est tre pali fossilizzati piantati nel tufo risalenti all'anno mille.

La Leggenda

Erra senza pace, nella cittadella militare, il fantasma del Capitano della Rocca, lasciatosi corrompere nel 1432 da Giosia Acquaviva. Costui gli aveva promesso che non avrebbe in alcun modo infierito sui residenti in quanto il suo unico interesse era quello di riappropriarsi dell'antico maniero di famiglia. Disattendendo però ogni assicurazione precedentemente resa, Giosia, una volta penetrato all'interno della Fortezza, massacrò l'intera guarnigione, oltre ai suoi pochi abitanti, trovandovi, infine, morte violenta anche il Capitano della Rocca, in un estremo tentativo di evitare l'eccidio della sua famiglia. Tra i sibili del vento che si canalizza nei camini e misteriosi lamenti, nelle notti di inverno il fantasma del Capitano della Rocca vaga, cercando la sua famiglia, schiacciando contro le mura e scuotendo chi si trova dinanzi, come volesse far rinsavire qualcuno dal perduto senno per interrogarlo. Ancora oggi alcuni anziani del posto tramandano la storia di un fantasma che schiaffeggiava e schiacciava, nelle notti di inverno, contro i muri delle stanze di antichi edifici i malcapitati del momento, narrando fatti effettivamente occorsi, fino anche ad esser stati costretti a dover ricorrere a numerosi esorcismi per far cessare queste manifestazioni.

Museo Multimediale

LA FORTEZZA NEL TEMPO
Quattro passi virtuali (ma reali) tra i segreti della Fortezza di Acquaviva Picena


Raccontare un monumento che è simbolo e custode di una storia non solo locale ma dell’intera regione utilizzando mezzi tecnologici non è cosa nuova.
La novità sta nella costruzione di un progetto armonioso che abbraccia più discipline e trasforma la mera narrazione storica in un vero viaggio nel tempo.
Un lungo lavoro iniziato con il restauro conservativo della Rocca affidato agli architetti della 26 Studio di Architettura, Marco Cecilian e Marta Fontana, che hanno rimosso e sostituito gli elementi degradati, rafforzato gli elementi statici, ripulita e irrobustita l'intera cresta muraria.
A completamento di questo profondo restyling si è aggiunto un nuovo allestimento museale della Rocca, fortemente voluto dall'amministrazione comunale di Acquaviva Picena guidata da Pierpaolo Rosetti e affidato alla JM - Multimedia Developer che ha realizzato moderni pannelli didascalici bilingue ricchi di foto, documenti e ricostruzioni 3D, plastici in scala che promuovono un percorso tattile dedicato agli ipovedenti corredati da didascalie bilingue in braille, e poi il viaggio virtuale nel tempo con navigazione a 360° con visore Oculus GO, un vero tuffo nella storia tra assedi e trasformazioni architettoniche della splendida Fortezza di Acquaviva Picena.

Per approfondimenti potete visitare i seguenti link:
Le foto ad alta risoluzione sono scaricabili al link: https://mega.nz/#F!YFVyFIxJ!u-sAK1cR8lc9sChh4p3x1g
Trailer di presentazione della nuova musealizzazione al link: https://youtu.be/hHNiRhHpSZE
Trailer del filmato 3D La Fortezza nel Tempo al link: https://youtu.be/m9qmnuxIK2w

MUSEO MULTIMEDIALE

Rievocazione storica Sponsalia

Rievocazione storica del matrimonio di Forasteria degli Acquaviva e Rinaldo dei Brunforte, avvenuto nel 1234. Si rievoca dal 1988 il primo venerdì di agosto, giovedì antecedente e domenica successiva.

All'interno della maestosa Fortezza medievale in una cornice di braceri, fiaccole, musiche, canti, balli medievali, intrattenimenti, fuochi e incendio della Fortezza si potranno gustare le ricercate specialità medievali alla corte dei Del Duca degli Acquaviva. Vai alla pagina

I Bacini di San Rocco

Con il nome convenzionale di "bacini", apparso per la prima volta nel '700, vengono comunemente indicate ceramiche usate a scopo ornamentale sulle facciate degli edifici -in prevalenza religiosi- costruiti dall'XI al XIV secolo nelle località dell'Italia centro settentrionale. Le più antiche sono state importate dalle terre dell'Islam che si affacciano sul Mediterraneo: Anatolia, Siria, Egitto, Libia, Algeria, Marocco e Spagna; in Italia, infatti, non era amcora nota la tecnica della maiolica invetriata tanto che le stoviglie erano realizzate con materiali poveri quali il legno o il nudo cotto. Seppure venalmente modesti, questi prodotti ceramici dovettero apparire quanto mai seducenti ai mercati occidentali e la loro bellezza li fece ritenere degni di ingemmare le severe architetture romaniche. Si è ipotizzato che essi rappresentino trofei di guerra portati dai crociati, offerte votive, simboli propiziatori, ma è molto probabile che, invece, siano stati acquistati perchè utili, belli, a buon mercato e perchè costituivano una novità per il mondo occidentale.

Nel corso del XIII secolo le ceramiche d'importazione si vanno rare facendo nelle nostre chiese perchè vengono sostituite da quelle di produzione dell'Italia meridionale e della Sicilia in cui, all'elemento puramente decorativistico costituito da motivi floreali e geometrici, si aggiunge quello simbolico proprio del mondo cristiano. I "bacini" di S. Rocco appartengono, appunto, a questo secondo periodo. In origine erano dodici, incastonati sotto gli archetti ciechi della facciata, ma la metà di essi è andata perduta. Il primo da sinistra, dei superstiti è il più semplice sia nel colore sia nel disegno del motivo cruciforme; il secondo, incorniciato da rametti con fiori e foglie monocromi, presentauna scrittura abbreviata (forse il cartiglio della croce INRI); il terzo è una ceramica in bruno e verde con simboli centrali circondati da motivi geometrici simili a quelli delle formelle magrebine;nel quarto è raffigurato un timone simbolo della barca della chiesa racchiuso da fiori stilizzati; il quinto è, per fattura, decorazione e cromatismo, affine alla terza formella. Il sesto ed ultimo è identico al secondo. Nella nostra provincia edifici abbelliti con i "bacini" si trovano in Ascoli, a Fermo, a Ripaberarda e, appunto, nella chiesa di S. Rocco di Acquaviva Picena.


Sala del Palio

L'Associazione mette a disposizione la Sala del Palio per organizzare eventi, mostre e convegni.
Per informazioni contattare Associazione Palio del Duca :
tel. 335 370870
oppure
sponsalia@paliodelduca.it

Palazzo Comunale

Municipio di Acquaviva Picena

Galleria

La Fortezza - I luoghi da visitare di Acquaviva Picena


Orario e Biglietti


È possibile visitare la Fortezza con i seguenti orari

orario

PERIODO e ORARIO di APERTURA

Dal 26 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
mattino ore 10,00 - 12,30
pomeriggio ore 15,00 - 18,00

Nelle giornate di: Sabato e Domenica, festivi e prefestivi

Dal 28 marzo al 31 maggio
mattino ore 10,00 - 12,30
pomeriggio  ore 15,30 - 18,30

Nelle giornate di: Sabato e Domenica, festivi e prefestivi

orario

PERIODO e ORARIO di APERTURA

dal 1 giugno al 13 settembre
mattino ore 10,00 alle ore 12,30
pomeriggio ore 16,00 - 19,00
sera ore 21,00 - 23,00

Tutti i giorni

PERIODO e ORARIO di APERTURA

dal 14 settembre al 4 ottobre
mattino ore 10,00 - 12,30
pomeriggio ore 15,30 - 18,30

Tutti i giorni

PERIODO e ORARIO di APERTURA

dal 5 ottobre al 23 ottobre
mattino ore 10,00 - 12,30
pomeriggio ore 15,30 - 18,30

Nelle giornate di: Sabato e Domenica, festivi e prefestivi


APERTURA PERIODO NATALIZIO

dal 21 dicembre al 6 gennaio
mattino ore 10,00 - 12,30
pomeriggio ore 15,30 - 18,30

Tutti i giorni

COSTI E RIDUZIONI



Ingresso: € 5,00
Riduzioni
:
bambini fino a 6 anni : ingresso gratuito
bambini dai 6 ai 14 anni : € 3,00
anziani ultrasessantacinquenni : € 3,00
gruppi da 10 persone in su : € 3,00 a persona
persone con disabilità : ingresso gratuito

VISITE GUIDATE SU RICHIESTA

A richiesta apertura al di fuori degli orari stabiliti per: visite guidate e gruppi superiori a 10 persone per info 335 370870


N.B. Locale consigliato per matrimoni,eventi,concerti etc...

Contatto


Per informazioni e prenotazione gruppi o scolaresche

Contattare Associazione Palio del Duca

Via San Rocco, 7
63075 Acquaviva Picena (AP) Italia

sponsalia@paliodelduca.it

335 370870

www.paliodelduca.it

Google Maps